News

Dragon Boat

DRAGON BOAT

– SPORT  DI ACQUA, DI SQUADRA, DI SANO AGONISMO, DI ALLEGRIA…

 E TANTO ANCORA

 

 

Di antica origine cinese la disciplina sportiva del Dragon Boat, già radicata in Europa,  si è diffusa in Italia a partire dagli anni 1980. Viene praticata su imbarcazioni da 10 (small boat), 20 (standard boat) o anche 30 posti (nei paesi asiatici), con panche fisse a due posti, oltre due postazioni a prua e in coda rispettivamente per tamburino e timoniere.   

Il concetto dello sport di squadra trova in tale disciplina la massima espressione prevalendo il sincronismo, la pianificazione collettiva, la coesione, l’affiatamento sulla mera forza fisica. Non è un caso che sia uno sport che può essere praticato a ogni età e che, anzi, offre la possibilità di avere nella stessa barca diverse generazioni di atleti.  

L’agonismo e gli antagonismi emergono tra le diverse squadre nei soli minuti di gara, ma non è raro che, anche nelle competizioni, si verifichino “prestiti” di atleti da una squadra all’altra nella più esplicita dimostrazione di sportività, solidarietà e condivisione.  

A poco più di vent’anni dalla fondazione della FIDB (Federazione Italiana Dragon Boat), che ha sede a Roma, il Dragon Boat in Italia ha raggiunto ottimi livelli di diffusione e di risultati: oltre 30 società

agonistiche iscritte, dislocate prevalentemente nel nord e centro Italia con eccellenze anche al sud, in seno alle quali sono cresciuti atleti che  competono ai più alti livelli europei e mondiali.

Nel Lazio questo sport è presente nei laghi di Bolsena, Bracciano, Sabaudia, Castel Gandolfo e Roma (Eur).

Il calendario gare presenta ogni anno numerosi appuntamenti nazionali ed internazionali. Nel 2018  si sono svolti tre importanti eventi internazionali: mondiali per club a Szeged (Ungheria), europei per nazione a Brandeburgo  (Germania) e mondiali per nazioni ad Atlanta (Georgia-U.S.A.). Ai mondiali appena conclusi la nazionale Italiana ha ottenuto prestigiosi risultati avendo ottenuto 8 medaglie di cui due d’oro nella  categoria premier maschile –standard boat- 200 m e  nella categoria master misto –standard boat- 500 m.

Infine, ma solo per dare ancor più rilievo a questo aspetto, occorre sottolineare che le ricerche promosse  dall’anno 1996 da una equipe di medici canadesi ha dimostrato un sensibile effetto riabilitativo e terapeutico del Dragon Boat  per le donne operate di tumore al seno.

Da tali ricerche condotte inizialmente su un gruppo di circa venti donne, si è  giunti attualmente ad avere nel mondo oltre 150 squadre di “donne in rosa” che, lottando e gareggiando sulla “stessa barca”,  riescono spesso a raggiungere un ottimo equilibrio psico-fisico ed a vincere, oltre che nello sport, anche nella loro primaria battaglia per la vita. 

Search

Latest News

17 Ottobre 2018
17 Ottobre 2018

CUS VT

Centro Universitario Sportivo
sede: Via S. Camillo de Lellis,
01100 VITERBO

tel.e fax 0761 352737
e-mail: cusviterbo@libero.it


Ultime News

17 Ottobre 2018
17 Ottobre 2018
©2018 CUS VITERBO. All Rights Reserved. Designed to Ufficio Servizi Informatici di Comunicazione - Università degli Studi della Tuscia

Cerca